PATOLOGIE

Tumore al seno

Cos'è
Il cancro della mammella è il tumore più frequente tra la popolazione femminile.I tumori possono essere benigni o maligni, i medici sono in grado di stabilire se un tumore è benigno o maligno sulla base di una biopsia.Le cellule dei tumori benigni crescono lentamente e non hanno la capacità di diffondersi ad altre parti dell'organismo;al contrario i tumori maligni sono costituiti da cellule che, in assenza di un trattamento opportuno, hanno la capacità di invadere e distruggere i tessuti circostanti e di diffondersi a distanza dal sito primitivo.Quando raggiungono un nuovo sito attraverso il sangue o il sistema linfatico, le cellule possono continuare a dividersi, dando origine ad una metastasi.

Cause
Pur essendo le cause tuttora sconosciute, sono stati individuati alcuni fattori di rischio:
- Età: oltre i 65 anni anni l'incidenza è del 65%.
- Fattori legati alla salute: sovrappeso dopo menopausa, pregressa diagnosi tumore benigno al seno.
- Fattori ormonali: trattamento con terapia ormonale sostitutiva, uso della pillola concezionale per lungo tempo, nulliparità, menopausa tardiva, allattamento breve, prima gravidanza tardiva.
- Fattoti legati allo stile di vita: uso di alcolici per lungo periodo.
- Fattori genetici.

Terapia
Il trattamento della terapia della mammella dipende da diversi fattori, tra cui l'età, lo stato menopausale e recettoriale, lo stadio, il grado e le dimensioni del tumore.

Le strategie terapeutiche consistono in trattamenti locoregionali e di tipo farmacologico. Nella maggior parte dei casi, il trattamento più indicato è la chirurgia, con resezionedi una parte(quadrantectomia o tumorectomia) o di tutta la mammella(mastectomia).Dopo questa fase, definita "demolitiva" è prevista la fase "ricostruttiva": infatti anche se la quadrantectomia è un intervento conservativo, il danno estetico che ne consegue, può essere importante.
La ricostruzione può essere eseguita contemporaneamente alla mastectomia o differita, con l'ausilio di un espansore temporaneo posizionato duarante il 1° intervento, che viene gradualmente gonfiato durante i mesi successivi(almeno 6), fino alla sostituzione con la protesi definitiva  al 2° intervento.

Oggi si utilizzano diverse tecniche per la ricostruzione con o senza protesi:
- Rimodellamento della ghiandola nella chirurgia conservativa
.
- Ricostruzione con utilizzo di lembi autologhi(tessuti della paziente stessa).
- Ricostruzione con utilizzo di materiali eterologhi(tessuto sintetico o di origine bovina e suina)
.

Fanno parte di questa categoria le reti TILOOP BRA, reti protesiche coperte di titanio che permettono una ricostruzione immediata e definitiva di seni di volume medio-grande o nei in casi in cui il chirurgo lo ritenga necessario, evitando cosi' un intervento chirurgico intermedio di posizionamento di espansore cutaneo.


Dove curarsi

Clicca sulla regione di interesse per visualizzare le strutture abiitate al trattamento della patologia.

Italia Aosta Piemonte Lombardia Trentino Veneto Friuli Liguria Emilia Romagna Toscana Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Puglia Campania Basilicata Calabria Sicilia Sardegna

© 2010-2016 SUNMEDICAL S.r.l. - C.F./P. IVA 06548140968